Petrolio- quello che nessuno ti dice

Il famoso “oro nero” per il quale un enorme quantità di persone ha perso la vita, al giorno d’oggi si trova per la prima volta ad essere messo da parte e scavalcato dall’innovazione, scopriamolo insieme, ma partiamo prima dalla sua storia…

LA STORIA – INDUSTRIA MODERNA

Primo pozzo al mondo (industria moderna) 1859 Titusville

Il primo pozzo venne costruito nel 1859 in Pennsylvania, per l’esattezza a Titusville da un uomo di nome Edwin Drake che nello stesso anno produsse circa 2.000 barili, dopo 3 anni ne produsse 3.000.000, questo la dice molto lunga, difatti nel 1861 csi erano inventati i battelli a vapore e di conseguenza la domanda aumentò. Nel 1870 nacque la prima azienda petrolifera, la famosissima Standard Oil con a capo J.D Rockefeller che si trasformò nella ESSO odierna. Questo nuovo “oro” andò a ruba nel mondo, maggior parte nel Nord America dove la vita aveva standard molto elevati, di conseguenza gli imprenditori si spostarono nel medio oriente in paesi come Iraq, Venezuela, Iran…

QUELLO CHE NON SAPEVI PRIMA DELL’INDUSTRIA MODERNA

Lampioni a Bucarest-Lampionaio (lavoratore)

In realtà il petrolio non è stato proprio scoperto dai Americani, la prima città al mondo a produrlo in maniera ARTIGIANALE, simile alla distillazione dell’alcol è stata la città di Bacau in Romania nel 1840 che poi è diventata la prima piattaforma petrolifera commerciale al mondo. All’inizio se ne produceva veramente poco, ma dopo quasi 2 decenni, nel 1857 la produzione è stata di 275 TONELLATE CERTIFICATE dalla Oxford University Press. Dopo i primi del 1900 in Romania si ebbero all’incirca 104 compagnie petrolifere.

TENERE BENE A MENTE

Mentre nel 1857 gli Americani pensavano come usare il petrolio oltre per i motori, in quello stesso anno, a Bucarest (capitale della Romania) vennero usate le prima lampade a petrolio per l’illuminazione della città, non usando più le candele. Bucarest divenne la prima città al mondo con illuminazione pubblica a petrolio (lampade con stoppini).

Leave a Reply

%d bloggers like this: